Art.1

 Obiettivo generale e strategia ricerca/azione

1 L’Osservatorio Zeta opera attraverso un dispositivo conoscitivo di ricerca-azione vocato a connettersi, di volta in volta, con un dato contesto socio-ambientale,affinché siano riconosciuti e salvaguardati i beni comuni, la cui tutela è strettamente funzionale all’esercizio dei diritti fondamentali della persona.

2 L’Osservatorio Zeta cura la costituzione ed il coordinamento interno di ogni singola unità di ricerca/azione.

3 L’Osservatorio Zeta fornisce, altresì, supporto tecnico ed assistenza professionale a ciascuna unità di ricerca/azione fino al perseguimento dei seguenti obiettivi:

      • una ricognizione conoscitiva sulla singola questione di tutela del bene comune al fine di mettere in chiaro tutti gli aspetti del conflitto e le plausibili linee d’intervento pratico;

      • la predisposizione di dispositivi e di strumenti di tutela collettiva dei diritti fondamentali della persona, sia di carattere giudiziale che di carattere extragiudiziale.

      • l’elaborazione di linee di intervento politico a livello locale, centrale ed europeo.

Art.2

 Composizione di ciascuna unità di ricerca/azione

1. Possono partecipare a ciascuna unità di ricerca/azione tre categorie di soggetti:

      • formazioni sociali di varia natura tra cui: comitati, associazioni, insieme di cittadini e gruppi organizzati che rappresentano in maniera attiva un conflitto, sviluppatosi nel territorio considerato, per la promozione e la salvaguardia di uno specifico bene comune;

      • cittadini che hanno assunto cariche elettive all’interno delle istituzioni politiche, centrali, periferiche ed europee;

      • Professionisti ed esperti individuati e selezionati dall’Osservatorio Zeta, in ragione delle esperienze e delle competenze di volta in volta necessarie;

Art.3

 Condizioni di partecipazione delle formazioni sociali

1 La partecipazione di una formazione sociale all’unità di ricerca/azione è subordinata ad una valutazione discrezionale ed insindacabile dell’Osservatorio Zeta in ordine alla necessaria legittimazione sostanziale a rappresentare e promuovere un conflitto per la tutela di un bene comune, nel territorio in cui la formazione sociale si è costituita ed è operante.

2 Tale valutazione discrezionale si fonda, in primo luogo, sul possesso dei seguenti requisiti:

      • rappresentatività di un numero di consociati pari o superiore a 25 unità;

      • radicamento territoriale rispetto alla questione proposta;

      • prova dell’efficacia e della continuità dell’azione svolta nel territorio considerato;

      • adesione formale ai principi informatori del Manifesto di OZ e sottoscrizione del presente regolamento.

3 Le formazioni sociali che richiedono la partecipazione all’unità di ricerca/azione dovranno produrre idonea documentazione attestante la sussistenza dei requisiti sopra indicati e fornire, altresì, una lista di rappresentanti che parteciperanno attivamente alle attività dell’Osservatorio.

Art.4

 Condizioni di partecipazione dei soggetti politici

1 La partecipazione all’unità di ricerca/azione di cittadini che hanno assunto cariche elettive all’interno delle istituzioni politiche, centrali, periferiche ed europee è subordinata alla sussistenza delle seguenti condizioni:

      • adesione formale ai principi informatori del Manifesto dell’Osservatorio Zeta e sottoscrizione del presente regolamento;

      • sottoscrizione di un impegno formale a reperire risorse economiche che contribuiscano a sostenere il programma di ricerca-azione finalizzato a raggiungere gli obiettivi concordati;

      • sottoscrizione di un impegno formale a partecipare attivamente alla singole unità di ricerca-azione, in ragione della propria area di competenza, offrendo la propria collaborazione attraverso:

      1. richieste di accesso agli atti;

      2. formulazioni di interrogazioni ed emendamenti;

      3. attivazione di strumenti ispettivi e di controllo;

      4. organizzazione di conferenze ed eventi sulle tematiche connesse al bene comune in questione;

      • sottoscrizione di un impegno formale a promuovere, in ragione della funzione pubblica rivestita, le iniziative di intervento politico, normativo e regolamentare elaborate attraverso il coordinamento dell’Osservatorio Zeta.

Art.5

 Funzionamento di ciascuna unità di ricerca/azione

1 L’Osservatorio Zeta coordina la costituzione e le attività di ciascuna unità di ricerca azione.

2 La segreteria operativa dell’Osservatorio Zeta cura la convocazione dei tavoli di confronto

dell’unità di ricerca/azione, redige e comunica l’ordine del giorno di ciascuna seduta e provvede ad aggiornare gli attori sociali coinvolti sullo stato di avanzamento dei lavori programmati.

3 Lunità di ricerca/azione, dopo una prima fase di indagine analitica ed esplorativa, individua il budget necessario per il raggiungimento dei tre obiettivi di cui all’art. 1 punto 3.

4 La sostenibilità economica delle attività dell’unità di ricerca/azione fa leva sul principio della responsabilizzazione distribuita tra tutti gli attori sociali coinvolti, in proporzione alle risorse finanziarie che ciascuno può mobilitare attraverso donazioni e azioni sistematiche di crowdfounding.

5 Al momento del perseguimento di tutti e tre gli obiettivi stabiliti al punto 3 dell’art.1 del presente regolamento, l’Osservatorio Zeta concede la disponibilità esclusiva del materiale documentale elaborato, alla formazione sociale coinvolta, per un periodo di 90 giorni.

6 Al termine del novantesimo giorno successivo alla consegna del materiale documentale elaborato, lo stesso tornerà alla piena disponibilità dell’Osservatorio Zeta che ne curerà la libera e gratuita diffusione in open source attraverso l’utilizzo di software funzionali all’archivio ed all’interazione dei dati acquisiti.